News... Alta Velocità

14/12/08

14/12/08 - I progetti sull’Alta Velocità sono cominciati in Europa a partire dagli anni 80 sulla base delle indicazioni della Transeuropean Networks Executive Agency, parallelamente all’intensificazione del processo di unificazione politica, per promuovere iniziative volte ad una progressiva integrazione in questi 3 ambiti: trasporti, energia e telecomunicazioni.

Oggi, con la tecnologia è possibile – potenzialmente - andare da Napoli a Londra con un solo treno, senza cambi nè barriere: è stata superata l’importante barriera dell’Interoperabilità.
Tutto questo grazie a tre diverse aree di intervento:
- Segnalamento
- Regolamenti
- Materiale rotabile

Lo scenario
L’AV adotta lo European Rail Traffic Management System/European Train Control System (ERTMS/ETCS).
Si tratta del sistema attualmente più avanzato tecnologicamente per una sicurezza attiva, integrando la sicurezza delle linee con quella dei treni.
Il sistema - su standard europeo - è stato progettato per assicurare ai treni di diversi Paesi di circolare senza soluzione di continuità su tutte le linee europee che ne sono dotate ed è capace di garantire la circolazione in sicurezza dei treni con l'adozione di funzionalità e tecnologie all'avanguardia.
Lo standard ERTMS/ETCS, da considerarsi tra le più significative innovazioni introdotte nel panorama ferroviario, consente la circolazione di treni di diversa nazionalità, sulla base di informazioni comuni, definite con un linguaggio comune, gestite con componenti interoperabili comuni a terra e a bordo.
In particolare lo standard definisce le modalità di scambio delle informazioni di segnalamento tra gli impianti a terra e i treni, identificando le tecniche di trasmissione da utilizzare e il formato dei messaggi.
Con l'installazione di ERTMS/ETCS, i vincoli per la circolazione internazionale che derivavano dalla diversità tra i sistemi attualmente in uso nei diversi Paesi vengono sostanzialmente rimossi.
Il sistema ERTMS/ETCS fornisce infatti al macchinista, in modo standard, tutte le informazioni necessarie per una condotta ottimale, controllando con continuità gli effetti del suo operato sulla sicurezza della marcia del treno e attivando la frenatura d'urgenza nel caso di velocità del treno superiore a quella massima ammessa per la sicurezza.
Questo sistema ha in definitiva permesso di eliminare la tradizionale segnaletica in linea.
Tuttavia le direttive comunitarie hanno tempi di ricevimento da parte dei Paesi Membri; ciascun Paese può inserire elementi aggiuntivi che rendono le “regole” legate alla circolazione ferroviaria non coincidenti fra le varie nazioni.

L’Italia si dimostra all’avanguardia per quello che riguarda le tecnologie per la sicurezza, tanto è vero che alcuni dei protagonisti dell’AV come le Ferrovie e Finmeccanica sono stati chiamati da Russia e Cina per ‘esportare’ il modello italiano.
In particolare, le ferrovie italiane hanno usato, prime in Europa, il livello 2.

Le cifre
Oggi l’Italia ha 764 Km di AV. Ne mancano 647 da completare entro la fine del 2009 (con un costo di 45 Mln di Euro a Km). Il nostro Paese diventa così pienamente competitivo a livello europeo.
Tra i Paesi europei che per primi hanno investito in questo progetto, la Francia si è ritagliata un ruolo di pioniere ed ha attualmente la rete più estesa con 1847 km; segue la Spagna con 1579.

Gli Eurostar/AV, che possono portare fino a 750 passeggeri, sono lunghi 450 metri. Nelle prove i convogli hanno segnato un record di velocità di 334 km/ora, per i viaggi normali si accontenteranno di una media di poco inferiore ai 300.
Questo permette di andare da Londra a Parigi in 2 ore e 15 minuti, a Bruxelles in 1,51 e di continuare a correre sulle linee ad alta velocità dell' Europa. In Gran Bretagna Eurostar conta di avere un traffico di 44 milioni di passeggeri l' anno a St Pancras.
In Francia, la rete ferroviaria voleva dimostrare la sostenibilità su lunghe percorrenze di velocità sempre più elevate, per rendere nei fatti il trasporto su rotaia addirittura più vantaggioso di quello aereo. Una tesi sostanzialmente dimostrabile, se si considera che sulla linea Parigi-Marsiglia la quota di mercato dell'alta velocità è già ora al 75% circa e al 70% sulla Parigi-Bordeaux.

Possiamo stimare, d'accordo con molti osservatori, che il treno diventerà il mezzo più competitivo per una  distanza tra le 3 o le 4 ore.
Con la liberalizzazione del 2010 cambieranno le abitudini dei viaggiatori. Cosa che è già successo in Francia, dove dal 1995 al 2006 l’aumento dei passeggeri è stato del 42%; in Spagna (+32%); in Germania (+23%).
In Italia, il tratto Milano Roma farà la parte del leone e sarà coperto in 3 ore e mezza, con un treno ogni 15 minuti: una sorta di metropolitana di superficie.

Il ruolo di Bureau Veritas
Le attività più importanti sviluppate in questi anni sono la certificazione di sicurezza (in conformità alle norme europee CENELEC nel settore ferroviario) e la verifica CE di conformità alle STI (Specifiche Tecniche di Interoperabilità che definiscono i requisiti per la circolazione comune dei treni in Europa), attività che hanno riguardato sistemi e prodotti sia di terra che di bordo.
Di particolare rilievo nazionale ed internazionale sono le attività svolte per la certificazione del CCS - SST (Comando e Controllo Segnalamento del SottoSistema di Terra) dell’Alta Velocità per le tratte Roma-Napoli e  Milano-Novara e l’attuale impegno per la nuova Linea AV Milano Bologna.

Le esperienze e le specifiche professionalità del nostro team, indispensabili per poter valutare le attività ad alto livello tecnologico dell’AV, hanno permesso a Bureau Veritas di diventare organismo certificatore di riferimento nel mondo, sia di Sottosistemi e prodotti di Terra che di Bordo.

In Italia, Bureau Veritas ha certificato la Roma-Napoli, la Torino-Novara e sta provvedendo alla certificazione della Milano-Bologna. Anche grazie all’alto livello tecnologico dell’AV italiana, Bureau Veritas è diventato l’organismo certificatore di riferimento nel mondo, verificando gli standard di sicurezza sia delle linee sia dei treni.

Per ulteriori informazioni:

Bureau Veritas Certification

tel. 02 27091.1

scrivi una e-mail
  • ALGERIA
  • ANGOLA
  • ARGENTINA
  • Armenia
  • AUSTRALIA
  • AUSTRIA
  • AZERBAIJAN
  • BAHAMAS
  • BAHRAIN
  • BANGLADESH
  • BARBADOS
  • BELARUS
  • BELGIO
  • BENIN
  • BERMUDA
  • BOLIVIA
  • BOSNIA AND HERZEGOVINA
  • BOTSWANA
  • BRASILE
  • BRUNEI
  • BULGARIA
  • BURKINA-FASO
  • BURUNDI
  • CAMBOGIA
  • CAMERUN
  • CANADA
  • ISOLE DI CAPO VERDE
  • REP. CENTRO-AFRICANA
  • CIAD
  • CILE
  • CINA
  • COLOMBIA
  • CONGO
  • CONGO (REP. DEMOCRATICA)
  • COSTA RICA
  • COSTA D'AVORIO
  • CROAZIA
  • CUBA
  • CURACAO
  • REPUBBLICA CECA
  • DANIMARCA
  • DJIBOUTI
  • REPUBBLICA DOMINICANA
  • ECUADOR
  • EGITTO
  • EL SALVADOR
  • GUINEA EQUATORIANA
  • ERITREA
  • ESTONIA
  • ETIOPIA
  • FIJI
  • FINLANDIA
  • FRANCIA
  • ANTILLE FRANCESI
  • GABON
  • GEORGIA
  • GERMANIA
  • GHANA
  • GIBILTERRA
  • GRECIA
  • GROENLANDIA
  • GUATEMALA
  • GUINEA
  • GUINEA BISSAU
  • HONDURAS
  • UNGHERIA
  • ISLANDA
  • INDIA
  • INDONESIA
  • IRAN
  • IRAQ
  • ISRAELE
  • ITALIA
  • GIAPPONE
  • GIORDANIA
  • KAZAKHSTAN
  • KENYA
  • KOREA (DEL SUD)
  • KUWAIT
  • LETTONIA
  • LIBANO
  • LIBERIA
  • LIBIA
  • LITUANIA
  • LUSSEMBURGO
  • MADAGASCAR
  • MALAWI
  • MALESIA
  • MALI
  • MALTA
  • MAURITANIA
  • MESSICO
  • MONTENEGRO
  • MAROCCO
  • MOZAMBICO
  • Myanmar
  • NAMIBIA
  • OLANDA
  • ANTILLE OLANDESI
  • NUOVA ZELANDA
  • NICARAGUA
  • NIGER
  • NIGERIA
  • NORVEGIA
  • OMAN
  • PAKISTAN
  • PANAMA
  • PARAGUAY
  • PERU
  • FILIPPINE
  • POLONIA
  • PORTOGALLO
  • PORTO RICO
  • QATAR
  • ROMANIA
  • RUSSIA
  • RWANDA
  • S.PIERRE & MIQUELON
  • ARABIA SAUDITA
  • SENEGAL
  • SERBIA
  • SEYCHELLES
  • SIERRA LEONE
  • SINGAPORE
  • SLOVACCHIA
  • SLOVENIA
  • SOMALIA
  • REP. SUD AFRICANA
  • SPAGNA
  • SRI LANKA
  • SURINAME
  • SVEZIA
  • SVIZZERA
  • SIRIA
  • TAIWAN
  • TANZANIA
  • TAILANDIA
  • TOGO
  • TRINIDAD & TOBAGO
  • TUNISIA
  • TURCHIA
  • TURKMENISTAN
  • UGANDA
  • UCRAINA
  • EMIRATI ARABI
  • REGNO UNITO
  • STATI UNITI D'AMERICA
  • URUGUAY
  • UZBEKISTAN
  • VENEZUELA
  • VIETNAM
  • YEMEN
  • ZAMBIA
  • ZIMBABWE
  • Altri siti
  • AFRICA
  • Sito web globale
  • MEDIO-ORIENTE
  • ASIA SUD OCC.
Scegli il tuo settore, il tuo asset o il servizio di cui hai bisogno
Il vostro Settore

Il vostro Asset

Le nostre attività