road-forest-green

News

Carbon Footprint e "Green Line" di Bureau Veritas

Mar. 2 2021

Bureau Veritas ogni anno contabilizza le emissioni di CO2 prodotte da tutti i consumi diretti ed indiretti, quali consumi energetici, viaggi di lavoro, dipendenti e superficie delle sedi, acqua, rifiuti, carta, sostanze lesive dello ozono.
Agli inizi di febbraio l’Executive Committee ha analizzato il “carbon footprint” relativo al perimetro I&F e Marina in Italia riferito al periodo ottobre 2019 – settembre 2020, riscontrando una riduzione drastica delle emissioni rispetto ai 2 anni precedenti.
Una “vittoria” preannunciata, se si considera che almeno 7 dei 12 mesi esaminati sono stati caratterizzati dalle restrizioni anti-Covid, con viaggi di lavoro limitati all’essenziale, uffici chiusi o con presenze contingentate.

Eppure, la lettura di questi dati incoraggianti per l’ambiente, ancorchè pesantemente influenzati dalle misure di contrasto alla pandemia, inducono a pensare che una nuova rotta è stata tracciata e difficilmente torneremo alle abitudini pre-pandemiche. La nostra reazione al Covid-19 ha soltanto accelerato una “rivoluzione” del modo di lavorare in ottica green, che possiamo a pieno titolo considerare una delle poche eredità positive di questo drammatico periodo.
Lo smart working e le video-conferenze – per quanto non possano sostituire in toto l’interazione in presenza – offrono un’alternativa efficace a ridotto impatto ambientale. Immaginando anche un prossimo futuro libero da restrizioni, sapremo conservare le buone abitudini acquisite.

Possiamo osservare che rispetto al 2018, il trend di riduzione è constante con una diminuzione di circa il 60% della quantità di CO2 prodotta per i viaggi aerei e del 40% delle trasferte in auto, aspetto significativo considerando che gli spostamenti per lavoro rappresentano il maggior impatto ambientale delle nostre attività. Dimezzate anche le emissioni per viaggi in treno, ma in questo caso si tratta comunque di valori estremamente contenuti rispetto agli altri mezzi di trasporto.
Dati confortanti anche per quanto riguarda la quantità totale di CO2 relativa ai consumi energetici (elettricità), che viene ricondotta al contributo di ogni sede. Considerando gli uffici più grandi e popolati, notiamo una riduzione significativa dei consumi elettrici totali rispetto all’anno precedente pari al 40% per Roma e al 50% per Milano.

emissione co2 viaggi

emissione co2 viaggi bv

Forte di questi risultati, l’organizzazione ha identificato 3 azioni principali per ridurre le emissioni di CO2:

• Efficienza energetica e utilizzo delle energie rinnovabili: a partire da gennaio 2021, viene utilizzata elettricità verde certificata; quindi il 100% dell'elettricità è prodotta da fonti rinnovabili.


• Politiche per auto e viaggi: è stata aggiornata la polizza auto Bureau Veritas per soddisfare i requisiti di eco-efficienza del Gruppo, che prevedono per i veicoli aziendali emissioni inferiori a 130g di CO2 per Km. I dipendenti potranno ora scegliere la propria auto tra una rosa di opzioni, incluse le auto ibride, plug-in ibride e veicoli elettrici.

• Sensibilizzazione dei dipendenti: proseguono le campagne di sensibilizzazione rivolte ai dipendenti, che prevedono varie iniziative tra cui la partecipazione attiva al WED (World Environmental day) e al Clean-up Day.


Alzando lo sguardo oltre le performance prettamente ambientali, possiamo dire che il 2020 è stato un anno di importanti riconoscimenti, sia per Bureau Veritas Italia che per il gruppo.
A livello nazionale, siamo stati premiati dal Presidente del Consiglio per il nostro Welfare, nell’ambito del premio Welfare Index PMI. Samo stati citati da Forbes tra le 100 realtà che si sono distinte per il contributo sistematico all’affermazione della cultura della responsabilità sociale d’impresa e della sostenibilità.


Guardando al Gruppo, il Dow Jones ha assegnato a Bureau Veritas il posto più alto sul podio 2020 del suo Sustainability Indices per quanto riguarda il settore dei Servizi professionali.

Il 2021 è ancora tutto da scrivere, ma le prime righe danno un chiaro segnale: a febbraio il gruppo ha aggiornato i documenti di riferimento per il benessere delle Persone e del Pianeta, in una logica di maturazione rispetto alle politiche definite in precedenza.
Con l'Health, Safety, Security and Wellbeing Statement viene enfatizzata l’importanza del benessere come asset fondamentale, insieme alla salute, sicurezza, tutela della diversity & inclusion.
Con l’Environmental Statement si esplicita l’impegno alla riduzione delle emissioni di CO2 e all’implementazione di sistemi di gestione certificate ISO 14001 nelle varie legal entities.

Una vera e propria “Green Line” è stata tracciata, per guidare il nostro percorso e quello delle organizzazioni che si rivolgono a noi, alla ricerca di un partner per la transizione ecologica.

La Green Line di Bureau Veritas per la sostenibilità

Scopri i nostri servizi