sostenibilita-ambientale-eolico

GREEN BOND VERIFICATION SERVICES

VERIFICA DI TERZA PARTE DELLE OBBLIGAZIONI VERDI, SECONDO I CRITERI CLIMATE BOND INITIATIVE

SCENARIO

La Sostenibilità è ormai pienamente integrata al Business: ne è prova la recente fioritura dei cosiddetti “Green Bond”, o “Climate Bond” o obbligazioni verdi. Si tratta di uno strumento di investimento che fa dell’attenzione alle tematiche ambientali e sociali la principale attrattiva nei confronti degli investitori, anche privati.
Come ogni obbligazione tradizionale, i Green Bond possono essere emessi da governi, banche e da aziende; le stime parlano di un mercato destinato a crescere a ritmi importanti.
Gli investitori che scelgono i Green Bond vogliono essere rassicurati su due fronti: che questo tipo di obbligazione sia davvero “green”, come dichiarato nelle intenzioni, e che il livello di rischiosità e di remunerabilità sia allineato a quello di un’obbligazione tradizionale: performance ambientali e performance finanziarie devono trovare un equo bilanciamento, il tutto garantendo la massima trasparenza.

SOLUZIONE

Climate Bond Initiative, organizzazione non profit basata a Londra, ha predisposto uno schema per certificare che i proventi dei Green Bond siano effettivamente destinati a finanziare progetti con finalità ambientale.
Per garantire le aspettative del pubblico, è possibile far certificare i propri bond in base allo standard di Climate Bond Initiative.
La verifica avviene in due momenti: prima dell’emissione delle obbligazioni e successivamente.
La conferma della certificazione successivamente all’emissione tiene conto dell’effettiva destinazione dei proventi in coerenza con quanto dichiarato al momento dell’emissione.
Bureau Veritas è uno dei verificatori riconosciuti dalla Climate Bond Initiative e può condurre verifiche di terza parte a fronte del Climate Bond Standard.

L’emittente contatta il verificatore riconosciuto che dovrà certificare la rispondenza del bond emesso con tutti i requisiti previsti dallo standard di riferimento.
Le fasi dell’attività possono ricondursi a questi passaggi principali:
■ Identificazione di progetti qualificati e asset secondo specifici standard per: acqua, energia solare, eolica, geotermica, edifici a basso consumo, sistemi di trasporto a basso consumo.
■ Selezione del verificatore riconosciuto e, a seguito, approvazione da parte del Climate Bond Standards Board.
■ Controllo e Report: il valore del progetto o dell’asset deve essere maggiore o uguale all’importo dell’obbligazione emessa. Reportistica annuale agli investitori.

  • Leadership

    Bureau Veritas è leader mondiale nella gestione della Qualità, della Salute, della Sicurezza, dell'Ambiente e della Responsabilità Sociale (QHSE-SA).

  • Network

    Una rete mondiale di valutatori e verificatori fornisce una combinazione unica di esperienza globale e approccio locale nello svolgimento dei servizi Climate Change.

  • Competenza tecnica

    Bureau Veritas vanta una profonda conoscenza delle tematiche dedicate alla Sostenibilità Ambientale e Sociale, con referenze in numerosi settori.

FAQ

Quali sono i principali vantaggi?
La verifica apporta indiscussi vantaggi per gli investitori e per gli emittenti.
■ Gli investitori possono scegliere questa tipologia di investimento con fiducia, sapendo che i bond sono emessi per finanziare progetti che avranno un impatto positivo sull'ambiente. Inoltre questo tipo di certificazione viene favorevolmente considerata, perché riduce notevolmente i costi della due diligence.
■ Gli emittenti possono raggiungere una più ampia base di investitori, evitando inoltre il rischio di vedere il proprio impegno etichettato come "green washing".
Per entrambe le figure, la verifica della rispondenza ai criteri Climate Bond Initiative è garanzia di trasparenza verso tutti i portatori di interesse.

La verifica dei green bond avviene a fronte di criteri specifici, in funzione della tipologia di investimento?
Sì. Climate Bond Initiative ha sviluppato criteri specifici in funzione della tipologia di investimento. Ad esempio, sono stati pubblicati i criteri per investimenti in progetti legati a: acqua, solare, eolico, edifici a basso impatto di CO2, geotermale e trasporti a basso impatto di CO2. Altri sono in fase avanzata di definizione.
L’elenco completo ed aggiornato dei criteri è disponibile su: www.climatebonds.net/standard/sector_criteria.

In che modo gli emittenti possono far conoscere al mercato il valore aggiunto della verifica del Green Bond emesso?
La certificazione iniziale viene rilasciata prima dell’emissione dei bond sul mercato: in questo modo l’ente emittente può fregiarsi da subito del Marchio “Climate Bond Certified” nelle sue comunicazioni al mercato, aumentando la propria attrattività nei confronti degli investitori.