electrical-technical

VERIFICHE TERMOGRAFICHE

LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI E DEGLI EDIFICI PER EVIDENZIARE CRITICITÀ E DISPERSIONI ENERGETICHE

SCENARIO

Il corretto svolgimento dell’operatività ed il relativo livello di sicurezza degli impianti tecnologici è assicurato da una altrettanto buona funzionalità degli impianti elettrici.
Per questo la messa in atto di una appropriata manutenzione evita sicuri e precoci processi di degrado con tutto il rispetto dei comuni criteri di sicurezza ad essi correlato (correnti di sovraccarico, aumentata probabilità di cortocircuito, punti di funzionamento caldi,…).
Per proteggere in modo più appropriato tutte le possibili tipologie di impianto elettrico non è però sufficiente assicurare solo il rispetto tecnico-legislativo, ma anche presidiare in modo continuativo la funzionalità degli impianti.
Questo è possibile grazie all’analisi termografica degli impianti elettrici.
Sensibilizzarsi su queste nuove possibilità significa prevenire problematiche che condizionano direttamente i processi produttivi e gli aspetti legati alla sicurezza del personale riducendo i rischi connessi alla gestione degli impianti.

SOLUZIONE

Bureau Veritas Italia è un organismo strutturato per effettuare verifiche termografiche sulle seguenti tipologie di impianto e/o di edificio:
■ Installazioni elettriche
La verifica del rispetto delle corretta funzionalità e delle corrette modalità di manutenzione dell’impianto elettrico permette di quantificare lo “stato di salute” degli impianti.
■ Installazioni meccaniche
Tutti gli impianti meccanici, che per la loro operatività utilizzano organi in movimento, possono diventare sorgenti “indebite” di sovratemperatura.
■ Installazioni edili
Il nuovo orizzonte del “risparmio energetico” richiede, per una corretta analisi termica, la valutazione delle dispersioni di calore nei punti critici delle strutture edili.

I principali aspetti operativi del servizio sono rivolti alle verifiche strumentali di quei componenti che per loro natura sono sensibili ad elevati livelli di temperatura.
La verifica termografica rappresenta un ausilio fondamentale che consente di:
■ presidiare la corretta funzionalità degli impianti, evidenziando anche le possibili cause e suggerendo appropriate azioni di adattamento
■ evidenziare le “performance” dei materiali isolanti per definire eventuali azioni di miglioramento della coibentazione degli edifici.
La verifica termica rappresenta un significativo contributo al mantenimento dell’efficienza e della sicurezza specialmente negli ambienti a maggior rischio di incendio, nei luoghi con pericolo di esplosione, nei cantieri e nei locali a uso medico.
La verifica attesta in modo inequivocabile i punti che potrebbero diventare sorgenti di calore e di propagazione degli incendi.
L’analisi termografica può essere effettuata su:
■ Quadri elettrici di distribuzione primaria e secondaria
■ Centralini di distribuzione terminale
■ Componenti elettrici (cavi, morsettiere, dispositivi di protezione, ecc.)
■ Organi meccanici in movimento (cuscinetti, ecc.)
■ Impianti termici (centrali, caldaie e relativi piping, ecc.)
■ Edifici (pareti, coperture, camini, ponti termici, serramenti, ecc.)

  • Leadership

    Bureau Veritas è fra i leader a livello mondiale nella valutazione di conformità e certificazione in ambito Qualità, Ambiente, Salute, Sicurezza e Responsabilità Sociale (QHSE-SA).

  • Network

    Bureau Veritas conta più di 650 dipendenti e 19 uffici dislocati su tutto il territorio nazionale e affianca oltre 20.000 clienti nazionali e internazionali.

  • Riconoscimento

    Il Gruppo, riconosciuto e accreditato dai più importanti Enti ed Organismi internazionali, è quotato dall'ottobre 2007 alla borsa di Parigi.

FAQ

Con che periodicità vanno verificati gli Impianti termici?
Dipende dalla potenza nominale: se minore di 35 kW ogni 2 anni; se maggiore di 35 kW la frequenza diventa annuale. In ogni caso le verifiche devono essere effettuate da un tecnico competente.

Quali apparecchiature sono oggetto della verifica?
La verifica si concentra sui punti che potrebbero diventare sorgenti di calore e di propagazione degli incendi:
■ Quadri elettrici di distribuzione primaria e secondaria
■ Centralini di distribuzione terminale
■ Componenti elettrici (cavi, morsettiere, dispositivi di protezione, ecc.)
■ Organi meccanici in movimento (cuscinetti, ecc.)
■ Impianti termici (centrali, caldaie e relativi piping, ecc.)
■ Edifici (pareti, coperture, ponti termici, serramenti, ecc.)