building-construction

News

Le novità nei Regolamenti tecnici RT-07 e RT-21

Jan. 22 2020

Attività di verifica della progettazione delle opere ai fini della validazione

Il Codice degli appalti (D.Lgs. 50/2016 e s.m.i.) ha confermato la possibilità che le attività di verifica della progettazione delle opere ai fini della validazione siano svolte da organismi di ispezione di tipo A, B e C accreditati in base alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020 e da società / studi di ingegneria aventi un sistema di gestione per la qualità certificato ai sensi della norma UNI EN ISO 9001:2015, da organismi accreditati secondo la UNI CEI EN ISO/IEC 17021-1.

Il gruppo di tecnici, coordinato da Accredia, composto da rappresentanti delle Associazioni degli organismi già accreditati o interessati all’accreditamento, e dai rappresentanti degli stakeholder competenti e coinvolti in materia (Società di Ingegneria, liberi professionisti iscritti ai relativi albi di appartenenza, ecc..), ha identificato una serie di requisiti da applicare ai soggetti coinvolti per poter operare efficacemente in un ambito particolarmente normato, ritenendo che tali soggetti dovessero possedere determinate caratteristiche, in termini di qualificazione dell’organizzazione, risorse, know-how, impostazione e gestione dei rapporti con il committente, pianificazione, conduzione e documentazione delle indagini.

Il 01/01/2020 sono quindi entrati in vigore i nuovi regolamenti tecnici  di Accredia RT-07 “Prescrizioni per gli organismi di ispezione di tipo A, B e C ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020 nel settore delle costruzioni” (che definisce requisiti e modalità applicabili per le attività svolte, sia in ambito cogente che in quello volontario) e RT-21 “Prescrizioni per l’accreditamento degli organismi operanti la certificazione del sistema di gestione per la qualità (SGQ – IAF34) delle organizzazioni che effettuano attività di verifica della progettazione delle opere, ai fini della validazione/approvazione” (che per gli organismi di certificazione descrive le prescrizioni per l’accreditamento e per le organizzazioni che svolgono le attività di verifica di progetti di opere ai fini della validazione, negli ambiti cogenti richiamati dal codice degli appalti, allinea e specifica maggiormente i requisiti del regolamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2015).

Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci